giovedì 31 luglio 2014

Il ghiaccio che brucia i cuori

Capitolo 15 - Scottanti gelosie
- Ehm... come facciamo per dormire? - Alex guardò imbarazzato le due ragazze. - Potresti dormire con me e Jewel con Jack... - propose la ragazza dai capelli rosa. Jewel la fulminò con lo sguardo. - Oppure Alex può dormire con me e tu con Jewel - ribatté conciliante Jack. - Io?? Con te? Mai! - sbottò il biondo incrociando le braccia al petto. - Le cose restano così come sono. Io resto a dormire con Alex e voi due... sbrigatevela da soli! - esclamò la cavallerizza spazientita. Alla fine si ritrovarono lei ed Alex insieme, Jack nella tenda singola più spaziosa e Violet in una piccola e striminzita di fortuna. - Quella ragazza... inizia già a farmi saltare i nervi appena arrivata! - borbottò Jewel pettinandosi i lunghi capelli castani. - Secondo me è carina - ribatté il biondo. - Hai detto qualcosa? - scattò pungente. - Niente, niente - si affrettò a rispondere il ragazzo. - Sarà meglio - concordò. E concludendo la conversazione si misero a dormire. Il giorno dopo Alex si svegliò senza sentire la calda e confortante presenza di Jewel contro di sé. In ansia si preparò in fretta ed uscì dalla tenda: - Jack! Hai visto Jewel? - domandò affannato all'uomo che stava trafficando tranquillo ai fornelli. - Si è svegliata all'alba e tutta eccitata ha detto che sarebbe tornata presto... - sbadigliò, per nulla in apprensione. - Allora l'aspetterò... - corrucciato, si sedette su un mezzo tronco. Poi sembrò illuminarsi: - E... Violet? - chiese con un accenno di sorriso sul viso arrossato dal freddo. - Mmmn? - Jack alzò un sopracciglio. - Oh, quella - rispose semplicemente. Alex non commentò. " Perché tutti hanno preso in antipatia Violet? È una brava ragazza..." pensò il biondo, accigliato. E quasi a farlo apposta gli si parò davanti il viso della ragazza dai capelli colorati, impeccabile e fresca come una rosa. - Buongiorno!! - esclamò con tono squillante. - 'Giorno... - rispose stancamente. Proprio mentre la ragazza gli sfiorava il naso col suo, arrivò Jewel, che li squadrò sospettosa. - J-jewel!... mi hai fatto preoccupare - il biondo notò qualcosa di simile all'odio negli occhi della sua ragazza. " Brutto segno" pensò. Si sedettero in silenzio a far colazione. - Allora, Jewel? Che succede? - ruppe il silenzio Jack e la ragazza cominciò a spiegare...

Nessun commento:

Posta un commento