martedì 26 agosto 2014

Ricordi

Capitolo 11 - Il vero Jack
"TI AVEVO AVVERTITO!" strillò la voce dell'aguzzino nella sua mente. Poi tutto si tramutò in sogno: era buio, non vedeva nulla, eppure sapeva che Jewel era lì, ne percepiva la presenza. - Jewel - la chiamò piano. Iniziò a sudare freddo e si mise a gridare: - Jewel, vai via! È pericoloso! Vai via! Jewel! Vattene! - all'improvviso la visione si schiarì, rivelando una piccola Jewel in lacrime, che tendeva la manina verso il papà. - È pericoloso! Jewel, mettiti al sicuro! - continuò a gridare, e la bambina si mise a piangere ancora più forte. - No, ti prego, non piangere... - sussurrò, continuando a ripetere il suo nome. Si svegliò, tirandosi su di scatto. Jewel era davanti a lui, e lo guardava stupita. - Sono qui - disse sbattendo le palpebre e prendendogli una mano. - Cosa...? - lei si mordicchiò il labbro. - Non conosco la magia, ma dato che Daniel mi ha spiegato qualcosa riguardo alla febbre magica che una volta Storm ha preso... credo che si tratti di quello - borbottò, arrossendo quando pronunciò il nome di Daniel. - Oh - disse semplicemente, mentre la sua mente correva altrove. "Il non poter usare momentaneamente i tuoi poteri ti ha reso debole fino a farti ammalare" spiegò una vocina appena apparsa nei suoi pensieri. Gli venne un'idea: abbracciò stretta la ragazza, avvicinandosi al suo orecchio. - Jack ma cos-... - la zittì stringendola più forte. - Qualcuno ci sta osservando... mi hanno rapito, ora ho infranto la promessa di tacere. Mettetevi in salvo, Jewel - sussurrò il più piano possibile. Lei si staccò, sorridendo fintamente, e appoggiò la fronte alla sua, strofinando il naso freddo contro il suo in un gesto tenero. Il giovane uomo socchiuse gli occhi. - Quel bastardo e la ragazzina la pagheranno cara! È una promessa! - esclamò l'aguzzino, infuriato. 3... 2... 1... Jack poteva contare i secondi che mancavano all'esplosione del suo rapitore. Aprì gli occhi di scatto: - SCAPPA, JEWEL! - gridò con tutto il fiato che aveva in gola. In un attimo la ragazza si ritrovò al fianco Alex, con la spada sguainata, e Storm, che le si mise davanti, con un'espressione sul muso stranamente feroce. Entrambi avrebbero venduta cara la pelle prima di permettere ad un solo nemico di toccare Jewel. Ciò che però si parò davanti a loro fu una scena a dir poco incredibile...

Nessun commento:

Posta un commento