lunedì 24 novembre 2014

Chains and Broken Dreams

POV Will

Io e Hope ci siamo scambiati i rispettivi numeri di telefono, salutandoci con un impacciato abbraccio e qualche parola confusa, senza però fare promesse e congetture varie su quando e dove rivederci. Entrambi sappiamo benissimo che c'è solo un posto dove ci ritroveremo, sempre, se ci perderemo.

Decido di camminare per tornare a casa, per godermi la bellezza della notte: sopra di me brilla il cielo stellato, e la luna splendente pare sorridermi, mentre la consueta brezza notturna mi accarezza i capelli, insinuandosi nel mio collo scoperto.

Chissà se Nate mi sta aspettando.

Entro nell'appartamento cercando di non emettere alcun rumore, muovendomi a rapidi scatti che hanno molto di felino.

Senza accendere alcuna luce, raggiungo la camera da letto, da dove non giunge alcun rumore. A tentoni cerco il letto, implorando tutte le divinità conosciute di non farmi inciampare in qualcosa e soprattutto di non farmi spiaccicare come una buccia di banana sul poco morbido tappeto.

All'improvviso odo un lieve respiro provenire in direzione della scrivania, dove due occhi mi fissato nel buio, luccicando in modo inquietante.

- N-nate...? - lo chiamo perplesso, e lui emette un lieve ringhio.

- Non credere che te la faccia passare liscia, signor Valentin - dice, alzandosi rapidamente.

- P-per cosa? - chiedo, ma lui mi abbraccia da dietro, disarmandomi, e si butta a peso morto sul letto, portandomi con sé nella caduta.

- Lo sai benissimo - soffia vicino al mio orecchio, strofinando poi il naso gelido nel mio collo altrettanto freddo.

Il mio corpo ha un fremito, e non posso fare a meno di sussultare.

- Hm... - biascico, cercando di rigirarmi nell'abbraccio soffocante in cui sono costretto, ma lui si avviluppa su di me come una piovra.

- Dormiamo - e, da come lo dice, pare più un ordine.

-

Note dell'autrice:
non so voi, ma a me questo capitolo non pare dolcioso. A voi? Be', comunque sia, lasciatemi un commentino. Li apprezzo taaaanto ♥ Kisses

Nessun commento:

Posta un commento