domenica 9 novembre 2014

Chains and Broken Dreams

POV Will

Avrei dovuto dormire io, sul divano, ma, per non so neanch'io quale ragione, sono andato a sdraiarmi di fianco a Nate.

Non è che avessi chissà quali pensieri, semplicemente lo trovo oltremodo rilassante.

Ho parecchia padronanza del mio corpo, infatti sono riuscito a ingannare Nate: a volte è timido, anche se non lo da a vedere, così ha aspettato di sentire che dormivo per potersi stringere al mio braccio.

Se solo sapesse, che per tutto il tempo che lui ha aspettato, io ero sveglio...

Alla fine sono rimasto sveglio ancora un po', in compagnia dei miei pensieri, che sono sempre lì, ad ogni ora del giorno e della notte, ad aspettare che gli dia corda.

A metà di chissà quale pensiero, l'onda del sonno mi ha infine lambito, facendomi sprofondare in un sonno tranquillo e senza sogni.


Quando mi sono svegliato, il mattino dopo, il sole già illuminava il cielo.

Al mio fianco, solo freddo.

-

Note dell'autrice:
due capitoli cortini fanno uno lungo, no? Vabbe', comunque sia, guardatelo, il furbone... far credere al povero, piccolo Nat che stava dormendo, e invece... Mah, cosa volevo dire? Ah, giusto! Vi piacerebbe che facessi un capitolo con la "playlist"? Cioè un capitolo dove ci sono tutti i brani che ascolto solitamente quando scrivo questa storia? Volete? Be', me lo direte. Baci

Nessun commento:

Posta un commento