lunedì 17 novembre 2014

Chains and Broken Dreams

POV Nate

Okay, Will oggi è nervoso.

Non bisogna essere un genio per capirlo, è entrato in casa come una furia e ha iniziato a scrivere qualcosa frettolosamente, senza degnarmi di uno sguardo.

Ora mi sta fissando con occhi di fuoco, sembra mi voglia incenerire.

Fa un lungo respiro, poi le spalle si rilassano e tutto di lui appare meno teso.

- Nate. - dice, poi fa una pausa.

- Parlami dell'amore - aggiunge, rimanendo impassibile, ma arrossendo un poco.

- Innanzitutto... hai raggiunto il tuo obiettivo? - chiede, inclinando la testa.

- C-credo di sì - annaspo, incespicando nelle parole che sembrano non voler uscire dalla mia gola.

Annuisce con la testa.

- C-cosa dovrei d-dire? - domando, risultando ridicolo e goffo perfino a me stesso.

- Quello che vuoi -  risponde, spostandosi una ciocca dagli occhi.

- B-be'... la persona di cui sono innamorato... credo... è davvero una persona bellissima e a volte ambigua, ma l'accetto così com'è. D'altronde non sceglierei nessun'altro al mondo, al suo posto. Amo i suoi occhi scuri, i suoi capelli morbidi, il suo così raro sorriso e la dolcezza immane che cela nel cuore... non c'è emozione adatta per descrivere ciò che provo quando mi da il buongiorno il mattino, quando ammira il cielo, quando la sua voce melodiosa chiama il mio nome - mi fissa in silenzio e mi sento avvampare.

- Se... se questo non è amore, allora non so cosa sia - aggiungo piano, cercando di mascherare l'imbarazzo con il caldo.

Peccato che sia febbraio e faccia ancora piuttosto freddo.

- Ho capito, grazie - dice, sorridendo dolcemente, poi si alza.

Rimango a guardarlo stranito.


Aspetta... ha capito?! Cosa?!

-

Note dell'autrice:
tehehehe, vi piacciono i cappy? Che ne pensate dei nostri cari protagonisti? E dello sviluppo, della trama? È tardi, perdonatemi. Debbo andare :( Xiau!

Nessun commento:

Posta un commento