mercoledì 24 dicembre 2014

Chains and Broken Dreams

SPECIALE DI NATALE - Flashback

(NO POV)

Rumore della porta che si apre. Will rimase immobile a contemplare il salotto vuoto, ed anche lui, nonostante fosse Natale, si sentiva vuoto.

- Nathaniel, sei gentilissimo ad essere venuto anche oggi, davvero! Su su, vieni dentro. Will è di sopra - disse la voce di sua madre da basso.

Suono di passi lungo le scale. Will voltò appena il capo in direzione dell'ospite: un ragazzino spettinato e con le guance rosse dal freddo, un sorriso enorme e infantile stampato sul viso.

- Ciao, Will! - esclamò tutto pimpante.

L'amico abbozzò una smorfia a parvenza di sorriso.

- Ciao - replicò in tono neutro.

- E l'albero? Non fate l'albero? - domandò sorpreso il piccolo Nathaniel, guardando in giro.

- No - rispose lapidario Will, spostando nuovamente lo sguardo sulla stanza priva di decorazioni natalizie. Nathaniel parve comprendere lo stato d'animo dell'amico e tacque, tenendo per sé l'entusiasmo e le domande che voleva porgli.

- ... e i regali? Almeno quelli li ricevi? - chiese timidamente, gli occhioni da cerbiatto d'improvviso tristi.

- Non... i regali sono per i bambini - ribatté, evitando accuratamente di incontrare lo sguardo dell'amico.

- Non si è mai troppo grandi per i regali, lo sai? - disse Nathaniel, tornando ad avere un'espressione rilassata.

- Non ho bisogno di regali, ma anche se volessi qualcosa?... non ho bisogno di giochi o altro, ma, ecco, io... - incurvò le spalle e si incupì, strizzando i lembi della maglia con foga.

- Posso essere io il tuo regalo, se ti vuoi - propose con dolcezza il ragazzino castano, sorridendo.

Will non rispose, limitandosi ad alzare il capo, mostrando i bei occhi neri pieni di lacrime. Il corpo di Nate ebbe un sussulto, poi spalancò le braccia, dove l'altro si rifugiò lentamente, mostrando quanto grande in verità fosse il suo bisogno d'affetto e calore.

E sempre lentamente i due amici si strinsero l'un l'altro, mormorandosi un augurio di buon Natale che entrambi accolsero nel proprio cuore con rinnovato calore, mentre donavano all'altro il regalo più bello e prezioso al mondo, se stessi.

-

Note dell'autrice:
innanzitutto, buona Vigilia di Natale a tutti! Domani è improbabile che io scriva, è Natale e anche se non lo festeggio ho comunque le mie cose da fare... ma veniamo al dunque: vi piace il capitolo? Sinceramente a me questi due da piccoli fanno impazzire, sono troppo aww, con Will sempre cupo e tutto serioso, un cucciolo di orso in pratica, e Nate tutto così carino e dolcioso, un peluchino da strapazzare. Sto scrivendo troppo, vi lascio. Buona Vigilia e buon Natale!


Nessun commento:

Posta un commento