mercoledì 21 gennaio 2015

Chains and Broken Dreams

POV Will

Mi è capitato raramente di trovarmi in uno stato di assoluta pace, dell'anima e della mente, uno stato che si avvicina così tanto alla mia libertà... perché sì, sono qui, incatenato da degli insulsi sentimenti al ragazzo che amo, eppure mi sento libero.

Ma le cose cambiano in fretta e, come un animale braccato che fiuta il pericolo nell'aria, io fiuto un cambiamento decisivo per questa pericolosa partita di gioco d'azzardo, perché altro non può essere.

Non smetto di accarezzare i capelli di Nate, non so fin quando potrò continuare a farlo; mentre guardo il sonno accoglierlo tra le sue braccia, penso che davvero, ne varrebbe la pena.

"Ma tu sei un codardo, e al posto di lottare fuggi, sempre. Vigliacco" mi rimprovera aspramente la coscienza, rammentandomi le mie ultime 'imprese'.

Sposto una ciocca castana dalla sua fronte, assumendo un'espressione mesta. Se solo...

Scuoto la testa e con un ultimo sospiro riprendo a guardare il soffitto, certo che sarà una lunga notte.

"Forse sarò un vigliacco e un codardo, ma per quanto io fugga e poi ritorni da te perché senza il mio cuore non posso andare da nessuna parte, non potrò mai e poi mai negare cui so di aver sbagliato, solo che ormai il dado è tratto."

-

Note dell'autrice:
-16! Sono di fretta perché ieri ho dormito poco quindi non mi dilungherò spropositatamente: il prossimo capitolo sarà un po' brusco, ci sarà un salto temporale che potrebbe causare confusione e sarà abbastanza ricco in quanto a contenuti. Tutto qui, ora vado. Buonanotte a tutti i notturni, un kiss

Nessun commento:

Posta un commento